Tigressa

In questo periodo sto lavorando ad un’impressione su linoleum che sarà la prima di cinque. Quasi un anno fa ho disegnato questa sfinge nel mio sketchbook:

Quando qualche mese fa ho deciso di trasformare il vecchio schizzo in un’incisione ho cominciato a rielaborare un po’ l’idea perché volevo una cosa un po’ diversa dal primo getto. Prima così…

E poi così…

Ho inciso il mio blocco di linoleum tutto in una volta, ci ho messo una buona giornata, dal ricalco al blocco finito.

Quando sarà stampata la tigressa assomiglierà a questa (ma al contrario ; ) …

In questo momento posso dedicare solo un giorno a settimana a questo progetto e quindi sono quasi due mesi che sono in ballo. Ieri ho avuto una risposta positiva da un ragazzo che ha un atelier a Saint-Gilles… Costa un po’ ma c’è anche la possibilità di fare serigrafia. Vedremo, se nel frattempo inizierà una guerra nucleare (ma non credo) allora avremo tutti altri problemi. Baci.

つづく

✦ Soleil Soleil

Ieri giorno di sole all’atelier dove sono andata ad imprimere la mia prima serie di linoleum dopo, non so… forse un anno che non toccavo una pressa?

Era il mio solo giorno libero della settimana ma non potevo aspettare. Avevo anche comprato della carta Khadi e non vedevo l’ora di provarla. Avevo tutto il pomeriggio davanti a me… Ma cavolo, se ho avuto problemi con la pressa! In questo atelier da quello che ho capito é utilizzata sopratutto per incisione su metallo e quindi ci ho messo due ore a regolarla per il mio linoleum e senza mai riuscirci davvero del tutto. La pressione o era troppo forte oppure il tamburo non girava a dovere. Anche la carta non ha reagito come mi aspettavo e ha bevuto troppo l’inchiostro, quindi alla fine in cinque ore di lavoro ho fatto un tiraggio minuscolo, solo dieci copie di qualità altalenante. Vabbé, un casino insomma!

Ritornerò fra due settimane per riprendere le stampe che ho lasciato ad asciugare, ma sono già alla ricerca di un’altro atelier con una pressa che si lasci utilizzare più facilmente… é un peccato però, perché a d o r o questo atelier: costa davvero poco alla giornata, c’é tutto il necessario, é luminosissimo, e per tutto il pomeriggio non ho incontrato quasi nessuno (magnifico). Ma se non riesco a stampare non serve a niente ;___;

Vediamo quello che tiro fuori la prossima volta. Ciao ciao ✦

ʕ•́ᴥ•̀ʔっ♡

Giorni sì, giorni no

Avrei preferito pubblicare un bel post sui progressi del progetto su cui sto lavorando in questo momento ma, nonostante ci abbia provato varie volte, oggi non riuscivo proprio a mettermi al tavolo da disegno per fare quello che mi ero prefissa di fare (disegnare il soggetto per una incisione su linoleum). Ad un certo punto mi stava veramente venendo l’ansia. Così ho deciso di seguire un consiglio molto sensato per un artista: evitare di sbattere la testa contro il muro sperando di spremerne fuori un’idea… ed invece fare altro, farsi guidare dal caso e dall’inspirazione del momento.

Ho continuato i preparativi per l’orto, rimesso ordine nella mia collezione di cartoline/ritagli/vecchie foto, appeso le tende e tappato con il mantice alcuni dei buchi che ho in casa (ho dei buchi in casa ma lasciamo perdere per ora).

Ah sì, ho anche disegnato un po’ di cose a caso sullo sketchbook. Per 10 minuti, di più non sono riuscita a fare.

Insomma, oggi la mia vena creativa era veramente inaridita. Ma nonostante la Voce (quella che tutt3 noi sentiamo una volta o l’altra) continuasse a spifferarmi frasi maligne (“non ce la farai mai” è un mio grande classico) sono orgogliosa del fatto di mantenuto la calma e di essere riuscita ad avanzare su altre cose che, tra lavoro e attività artistica, lascio sempre un po’ da parte. Per una volta sono riuscita a non lasciarmi andare all’auto-commiserazione e alla procrastinazione dura e pura, stravaccandomi sul letto a guardare video youtube sulla produttività. Anche se con fatica, per oggi sono riuscita ad accettare il fatto che a volte bisogna solo mollare l’osso e abbassare un po’ le proprie aspettative. E non è la fine del mondo, cribbio, si può ancora avere una giornata piena di belle cose.

Anche per l’arte ci sono dei giorni sì e dei giorni no, alla fine è giusto riuscire a dirselo.

Primo Post Oheò

Eccoci qua. Ecco il Primo Post.

Dopo tutto questo tempo ritorno ad aprire un blog alla vecchia maniera, non lo avrei mai detto, mi fa sentire un po’ nostalgica! :’)

Scarabocchia rinasce dalle ceneri. Ho ripreso il nome del primo blog che ho aperto (ormai più di dieci anni fa! Violento colpo di anzianità sulla mia nuca) quando ero ancora in Italia, ma con un idea completamente diversa nella testa. Mi sembrano passati duemila anni. Molte cose sono cambiate in meglio, altre in modo completamente inaspettato, altre invece sono giusto sparite dalla mia vista, lasciate indietro.

Questo blog nasce dalla mia necessità di riuscire a tenere la rotta e documentare la progressione di un’attività artistica che (ri)parte praticamente da zero. E’ maturato anche dall’idea di condividere le mie esperienze, magari saranno di aiuto a qualcun’altro per uscire dal blocco artistico… Il Blocco. Ognuno vive questa esperienza i modo personale, molti artisti ne sono soggetti almeno una volta nella vita, e una cosa unisce molte di queste storie: se ne parla poco, oppure sono custodite gelosamente e non se ne parla affatto. Anch’io ne parlavo poco, eppure per anni ho lottato con questo lato oscuro del lavoro creativo, che mi ha dato davvero del filo da torcere, fatto perdere la stima in me stessa, opportunità lavorative, contatti, amici…

Adesso che le cose vanno molto meglio e posso prendere della distanza da questo passato burrascoso vedo che questi anni sono un’esperienza preziosa e da non nascondere.

Anche ora a volte é uno sforzo considerevole sedermi lì e mettere in pratica la mia arte, ma dopo anni di ricerche ormai ho affilato gli attrezzi giusti per me e ho trovato le buone risorse.

Questo blog é il diario di viaggio della mia ripresa dell’attività artistica e creativa. Spero sarà un racconto grezzo, senza messa in scena. Il mio obiettivo non é mostrare solo il meglio, ma avere uno spazio dove poter essere libera di far schifo completamente sincera, se necessario.

Benvenutə, in questo spazio scarabocchiato.